ORFANI BIANCHI – Una notte a teatro!

ORFANI BIANCHI - Una notte a teatro!

14 Apr 2016 Castel d'Azzano, VR (ITA)

Dettagli


Indirizzo : Via G.Garibaldi n.37
Provincia : VR

La Compagnia Filastrofici apre così la nostra prima rassegna di teatro Indipendente con :

ORFANI BIANCHI

Sono grida di rabbia e vitalità quelle di CARDO e WILLIE, due ragazzi di strada costretti a sognare

un posto nuovo, un posto diverso, perché quello che li ospita, la Città Nera, è pieno di ricordi legati a

È uno spettacolo sul senso di abbandono visto con gli occhi di due ragazzini e una bambola

una famiglia che ora non c’è più.

CARILLON, giocattolo d’infanzia di WILLIE.

È un teatro di movimento vertiginoso, musica e poesia, che fa rivivere in senso epico e universale i

brividi dell’infanzia.

Tre attori: un musicista-attore, un’attrice-danzatrice e un attore-mimo.

Equilibrio perfetto che dà voce e corpo alle parole e ai sogni di CARDO, WILLIE e CARILLON.

Ispirato a fatti di vita vera, Orfani Bianchi è un concentrato di tematiche sulla realtà

Madri perdute, aerei che viaggiano sopra le loro teste. Aerei presi da mamme che hanno rinunciato

ad accudire la vita per accudire la morte: madri che volano verso paesi stranieri per prendersi cura

contemporanea.

di persone anziane e svolgere il lavoro di badanti.

CARDO e WILLIE hanno imparato fin da subito ad arrangiarsi. Rimasti soli nella Città Nera,

arrancano nella vita in cerca di uno spiraglio di bellezza, con la speranza di partire: WILLIE sogna

Parigi, CARDO sta costruendo un aereo di carta per volare lontano e raggiungere una destinazione

WILLIE e la sua bambola CARILLON, per resistere alla vita, si sono fusi in un’unica anima. Ma

WILLIE venderebbe anche l’anima per andarsene. WILLIE vende CARILLON e dice: “Voglio

cancellarmi tutta, voglio decidere io di abbandonare Loro. Voglio fare come Loro. Per questo,

La solitudine fa invecchiare CARILLON che perde i ricordi vissuti insieme a WILLIE, uno ad uno

come le pagine di un diario. CARILLON vaga e il suo vagare senz’anima evoca i nostri vecchi

sconosciuta.

abbandono!”.

accuditi dalle badanti.

L’interrogativo rimane aperto: abbandono? Per quale chimera?

————————–————————–————————–——-

/// COME RAGGIUNGERCI ///
✖ Clicca sul Link per Trovarci!!!
bit.ly/MapsTheFactory

-▲- E’ RICHIESTO IL TESSERAMENTO ASSOCIATIVO -▲-
(che potrete richiedere direttamente in sede durante la serata)

✖ PARCHEGGIO:
Dentro la struttura fino ad esaurimento posti. All’esterno posti pubblici liberi.

Per info: thefactory.vr@gmail.com o 349/1773600

The Factory - La Casa Degli Artisti. All right reserved. 2015 - LOGIN

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi